Mood mattiniero

MOOD MATTINIERO
-Il nervosismo sui mezzi pubblici
Chi è abituato a prendere i mezzi di trasporto per arrivare a scuola o a lavoro sa quanto un viaggio di questo tipo possa essere stressante e come anche un solo salto della corsa possa scombinare il ritmo lavorativo e influire sull’andamento della giornata.
Il ritardo, l’affollamento, il malfunzionamento dei mezzi, la disorganizzazione generale della società (salto delle fermate, non rispetto degli orari prestabiliti, due bus consecutivi) sono fattori determinanti del ritardo e del malumore mattutino. Abbiamo fatto un’intervista ad alcune persone alle fermate e all'interno dei pullman, alla stazione metropolitana di Porta Nuova e a chi prende regolarmente il treno.

Abbiamo fatto un sondaggio per valutare lo stress che questo viaggio comporta.
Risulta che l’80% dei partecipanti al sondaggio è spesso in ritardo per colpa del malfunzionamento o della disorganizzazione dei mezzi pubblici e il 60% afferma che ciò influisce sul solito andamento della giornata, causando disagi.



Le risposte indicano che tali individui sono abituati a usufruire spesso dei mezzi pubblici urbani: quindi è importante garantire un servizio efficiente.


Secondo le statistiche del nostro sondaggio, nonostante la scomodità e le difficoltà riscontrate sui mezzi, solo nove persone su novantuno ritengono il tragitto molto stressante.








Abbiamo inoltre domandato quale situazione fosse ritenuta più irritante tra lo sciopero, l’affollamento del mezzo e il salto della corsa.
Ne ricaviamo che i cittadini che riscontrano questi disagi se ne lamentano e quindi è compito del Comune rimediare e ristabilire l’ordine.






La maggioranza afferma di essere a volte in ritardo per il malfunzionamento dei mezzi. Questo dato ci fa riflettere sulla condizione dei trasporti pubblici a Torino: l’improvvisa sospensione del servizio causa malcontento tra la gente, che protesta contro il personale della GTT.








Ascoltando alcune lamentele in questi giorni, possiamo riportare alcune di queste proteste tra cui quella di un gruppo di turisti che si lamentava appunto del malfunzionamento arrivando addirittura a pentirsi di essere venuti a visitare la nostra città. Possiamo dunque dire che i danni hanno ripercussioni anche nel campo del turismo.
Abbiamo inoltre partecipato ad una discussione tra due signore e due controllori del mezzo, che affermavano di non voler più rinnovare gli abbonamenti annuali a meno che il servizio non fosse migliorato; spiegavano anche che il loro ritardo era causato dalla mancanza di mezzi sostituitivi alla metropolitana.
In conclusione, si potrebbero attuare delle modifiche per migliorare il sistema dei trasporti torinese GTT: abbiamo chiesto ai partecipanti al sondaggio di proporre delle idee a proposito. Riguardo gli autobus, in molti consigliano di aumentare la frequenza delle corse, perlomeno sulle tratte più affollate, e di rispettare gli orari prestabiliti di passaggio del mezzo.
Per quanto riguarda la metropolitana, i miglioramenti possono essere fatti nel campo del funzionamento tecnico, poiché appunto molto spesso viene meno, e si consiglia una maggiore manutenzione.
                                                                                                                       
Francesca Latella
Gloria Veronese

Alice Isnardi

Commenti

Post popolari in questo blog

Il "Doppio Sogno" di Elisa Sighicelli

La febbre del sabato sera

Il femminicidio